Cosa ti puoi aspettare da Palermo? Chi e cosa potresti incontrare vivendo in questa antica

città mediterranea? Abbiamo realizzato per voi un ipotetica giornata da erasmus a Palermo,

città ricca di storia e quindi monumenti, abitata da persone di diverse culture e religioni, che

negli anni si sono susseguiti arricchendo e modificando l'identità della città.

Speriamo vivamente, noi di esn, che resterete colpiti dalla varietà che la città offre, ma

anche che possiate vivere il vostro soggiorno non solo come turisti, ma come abitanti,

passeggiando per le strade sentendovi parte di essa e, perché no, arricchendola voi stessi.

Adesso però è il momento di usare la vostra immaginazione mentre leggerete le seguenti

righe.

Mi sveglio con una bella giornata di sole, aria frizzante e circa 25 gradi, del resto Palermo in

primavera ed autunno regala ottime giornate, ideali per il mare e lunghe passeggiate.

Abito nel centro storico, come molti altri studenti erasmus che hanno scelto questa meta,

per la precisione nei pressi del mercato storico della Vucciria, uno dei vecchi mercati storici

della città, come lo sono Ballarò, Borgo Vecchio e il Capo; angoli del passato che

rappresentano il cuore pulsante della città antica.

Scendo, vado al bar. Oggi voglio una colazione all'italiana: cornetto e cappuccino. Passo

davanti la chiesa di San Domenico, una delle numerose chiese dislocate sul territorio sono

un evidente simbolo dell’influenza cristiana sulla città ma anche una splendida espressione

dell’arte secolare. Nel frattempo guardo se sta arrivando l'autobus, purtroppo qui non è

sempre sicuro l'orario di arrivo di quest'ultimi. Inoltre, il traffico delle ore di punta è lento e

può competere con quello di New Delhi, come dice il mio amico Florian, ma con un pò di

fortuna (e forse di ritardo) riesco ad arrivare all'università. Studio Ingegneria, in viale delle

Scienze, la cittadella universitaria principale della città.