La ricetta è sempre la stessa, il risultato?
Sempre diverso sempre stupefacente! Ecco il frutto delle fusioni culturali!


E’ già trascorso del tempo da quando siete giunti qui, a Palermo. Da quello che potete vedere, Palermo è un mix di tante culture e questo si riflette nei tanti edifici che potete ammirare camminando nel centro città, ma non solo lì. Arabi, spagnoli, normanni e molti altri.
Oggi parleremo del periodo normanno, ed il nostro ospite speciale è: la Cuba.
Il nome ‘’Cuba’’ deriva dalla forma approssimativamente cubica ed infatti deriva anche dalla parola araba Qubba ‘’cupola’’.
E’ stata costruita durante il regno di Guglielmo II nel 1180 come luogo dove potersi rilassare nelle ore estive più calde, in aggiunta erano soliti organizzare delle magnifiche feste lì.
Le speciali tecniche di costruzione, che sono stato utilizzate per la realizzazione dell’edificio, lo mantenevano ventoso e fresco.
La Cubula o piccola Cuba è un altro edificio costruito da Guglielmo II per il suo parco, ma di minori dimensioni.
Questi edifici erano parte dei ‘’Solatia’’ o ‘’Sollazzi regi’’ un circuito di palazzi splendidi della corte normanna, situati lungo la città di Palermo.
Lo stile della Cuba è un esempio di fusione tra diversi stili architettonici, in questo caso: arabo-normanno. Questo stile si riferisce all’interazione delle culture normanne, arabe e bizantine in seguito alla conquista della Sicilia da parte dei normanni dal 1061 al 1250.
Guglielmo II decise di ottenere il suo padiglione ricreativo vicino ad un lago artificiale, progettato e decorato dagli artisti arabi che ancora vivenano a Palermo dopo la conquista normanna nel 1072 ( ben un secolo dopo-).
E’ così bella e pacifica che anche un famoso scrittore del MedioEvo come Boccaccio rimase impressionato dalla Cuba che decise di ambientare qui delle novelle del Decamerone.
Non perdetevi questo posto, andateci anche solo per una passeggiata.
DOVE: La Cuba
INDIRIZZO: Corso Calatafimi 100
TELEFONO: +39 091 590299
APERTURA: da lunedì a sabato: ore 9-19 (ultimo ingresso 18.30)
prima domenica del mese: ore 9 - 13.30 (ultimo ingresso 13)
COSTO: Intero € 2, ridotto € 1, gratuito under 18
Ingresso gratuito prima domenica del mese
TRASPORTI: Autobus: linee 118, 704 (fermata Sciuti - Principe di Paternò), 389 (fermata C.so Calatifimi)

 

                                                                      * * * * *

 

The recipe is still the same, the result?
Always different, always stunning! Here the outcome of cultural mixing!


It’s already a long time since you came here, in Palermo. As you can see, Palermo is a mix of different cultures. This is reflected by many buildings you can admire walking through the city center and not just only there. Arabs, Spanish, Normans and others.
Today we are going to talk about the Norman period, and our special guest is: la Cuba.
The name ‘’Cuba’’ derives from its approximately cubical form. And in fact it derives also from the arab word Qubba, "cupola".
It was built by William II in 1180 as a place where he could get some rest from the hotter hours on the summer time. In addition they also used to arrange magnificent parties there.
The unique construction techniques, which were adopted for the building, kept it windy and chilly.
The Cubula or Little Cuba is another edifice built by William II for his park, but in smaller dimensions. 
They were a part of ‘’Solatia’’ or ‘’Sollazzi regi’’ a circuit of splendid palaces of the Norman court located around Palermo.
Its style is an example of a mixture between different architectonical styles. In this case: Arab-Norman. This style refers to the interaction of the Norman, Arab and Byzantine cultures following the Norman conquest of Sicily from 1061 to around 1250.
William II decided to get his personal recreation pavilion next to an artificial lake, which was designed and decorated by Arab artists still living in Palermo after the Norman conquest in 1072 (a century later).
It is so beautiful and peaceful that even a famous Italian Middle Ages author as Boccaccio was impressed by the Cuba and set here one of the novellas included in the Decameron.
Don’t skip this place, just go there for a walk.
 

ADDRESS: Corso Calatafimi 100
TELEPHONE NUMBER: +39 091 590299
TIMETABLE: from monday to saturday: 9-19 (last entrance at 18.30)
                    first sunday of the month: 9-13.30 (last entrance at 13)
PRICE: Full € 2, Reduced € 1, Free if under 18 y.o.
            Free on the first sunday of the month
TRANSPORTATION: Bus: lines 118, 704 (stop: Sciuti - Principe di Paternò), 389 (stop: C.so Calatafimi)