[ENGLISH VERSION BELOW]

 

Strettamente legato alla storia economica e culturale dell'isola, il carro siciliano si afferma con la creazione delle prime strade nei primi anni dell’800, prima di allora tutti i commerci e i trasporti venivano effettuati per mare. Trainato da un cavallo, il carretto inizia da quel momento a essere usato per il trasporto di legna e prodotti agricoli.Lo stesso Guy de Maupassant, scrittore francese, nella Primavera del 1885 a Palermo restò colpito da tale mezzo, definendolo "un rebus che cammina" per il valore degli elementi decorativi.
Sono proprio la fantasia ed il colore i tratti caratteristici; il carro supera la sua funzione di mezzo di tras​​porto e diventa veicolo di storia, tradizioni storia.Ai santi inizialmente raffigurati si sostituiscono progressivamente i paladini e le scene di “cavalleria rusticana”, novella che Giovanni Verga dedicò proprio alla nobile figura del carrettiere.Sono ormai rari i maestri (mastri) che mantengono viva la tradizione. Alla sua realizzazione partecipano diversi artigiani, ciascuno con proprio mestiere. Si inizia lavorando il legno ed il ferro; si conclude con la pittura.
Ad oggi il carretto presenta perlopiù funzione di attrattiva per turisti, ed è facile trovarlo durante eventi popolari quali sfilate, esposizioni e feste pubbliche, nelle cerimonie folcloristiche e, soprattutto, nelle botteghe degli ultimi artigiani.

 

                                                                                                                             * * * * * *                                                                                                         

 

 

Closely linked to economic and cultural history of the island, the Sicilian cart became well known thanks to creation of the first roads in about 800 AD - before that all trade and transport took place through maritime routes. From that moment the horse-drawn cart began to be used to transport wood and agricultural products.
In the spring of 1885, Guy de Maupassant, French writer, during his visit in Palermo was surprised by seeing that carriage, calling it "a walking puzzle" in awe for its decorative elements.
Vivid colours and fanciful design are the characteristic features of the cart; it function of mean of transport changes and the vehicle gains traditional and historical values.
Initially the portraits of saints were the most often theme of paintings decorating the carts but as the time went by they were progressively replaced by depictions of paladins and the scenes od “Cavalleria Rusticana”, a novel of Giovanni Verga dedicated to the noble figure of carrettiere (cart driver).
Creation of a cart demands the work of various artisans who keep the tradition alive. It starts with shaping of the wood, then steel elements are added; at the end painters create decorative images and so the cart is finished. 
Nowadays the carts are mostly a tourist attraction, they are also frequently used during popular events such as exhibitions, festivals and folk celebrations, but above all they can be found in the workshops of the last remaining craftsmen.